ALOPECIA

ALOPECIA

è una perdita totale o parziale dei capelli, in funzione dell’età o di fattori genetici oppure secondaria ad un’affezione locale e generale. La dermatite seborroica e la psoriasi del cuoio capelluto sono raramente la causa di alopecia. Si distingue l’alopecia non cicatriziale (senza fenomeni atrofici né rimaneggiamenti cicatriziali) da quella cicatriziale (secondaria a riparazioni tessutali). Le alopecie non cicatriziali comprendono: – la calvizie ippocratica: frequente, familiare, necessita della presenza di androgeni. Comincia a manifestarsi sulle regioni laterofrontali o sul vertice. Colpisce gli uomini e può comparire già nell’adolescenza. La calvizie della donna non è rara ed eccezionalmente totale. – l’alopecia tossica: è in genere temporanea; può comparire 3 o 4 mesi dopo una malattia grave, spesso febbrile (perché i follicoli pilo-sebacei sono estremamente sensibili all’aumento della temperatura corporea). Possibile nel mixedema, nell’ipopituitarismo, nella sifilide recente, nelle sequele di una gravidanza, nell’anemia e nell’ipotiroidismo. Può comparire anche dopo l’assunzione di certi citotossici, di tallio e dosi eccessive di Vit.A. – l’alopecia areata: è una perdita totale di capelli ma circoscritta. La barba può essere interessata. Possibile coinvolgimento di anticorpi antitireoglobulina, antitiroidei e antisurrenalici. – la tricotillomania: è un disturbo di tipo nevrotico che può, nei casi gravi, dare un’alopecia, con capelli di lunghezza differente. Quelle che rispondono meglio sono quelle non cicatriziali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *