TRATTAMENTO DELL ICTUS PRESSO STUDIO MEDICINA INTEGRATA CHIARAVALLOTI CORRADO.

Prima tra le patologie neurologiche maggiormente invalidante, L’ ICTUS detiene nel mondo una incidenza altissima. Ogni anno 15 milioni di persone ne sono colpite e di queste quasi sei milioni muoiono. Solo in Ita- lia l’ictus colpisce ogni anno più di 200.000 persone di cui l’80% di questi sono nuovi episodi ed a livello nazionale è considerato come una delle maggiori cause di invalidità.

Gli esiti di questa patologia sono di certo fortemente invalidanti. Se una determinata area del cervello subisce un danno, non riesce più a dialogare con i distretti muscolari deputati al Suo controllo ed i muscoli rimangono bloccati in una rigidità funzionale chiamata ipertonia.

La spasticità postictus è una delle condizioni più invalidanti della sindrome del motoneurone superiore. È definibile come aumento patologico del tono muscolare e presenta cloni, strappi esagerati del tendine e spasmi che derivano da ipereccitabilità del riflesso di stiramento. Il recupero funzionale che ne segue è generalmente incompleto e la maggior parte dei sopravvissuti presenta disabilità a lungo termine e sebbene sia un processo complesso, uno dei modulatori più efficaci della struttura corticale, della funzione e della plasticità cerebrale, è un input sensoriale ripetuto dato che i deficit somatosensoriali e le disabilità motorie sono strettamente correlati. Se l’attività muscolare volontaria è combinata con maggiore sensazione di movimento, si ritiene che tale sti- molo possa influenzare il recupero del Motore Centrale grazie alle connessioni che potrebbe formarsi tra neuroni somatosensoriali e neuroni di uscita motoria funzionalmente correlati con la corteccia e questo di diminuire l’ipertono nei pazienti con ictus cronico.

In forza di tale assunto sono stati effettuati Studi utilizzando Vibrazioni Meccano-Sonore ad Onda Quadra. I risultati sono Pubblicati su Riviste quali: “Eur. Jour. Phis. Rehab. Med.” (2 Articoli), “European Journal of In- flammation” e “Top Stroke Rehabilitation”. Lo scopo degli studi è stato quello di valutare la possibilità di creare un efficace programma di riabilitazione in grado di influenzare in modo positivo l’andatura e l’equilibrio e, di conseguenza, la qualità della vita delle vittime di ictus cronico. Ciò attraverso il recupero del controllo degli arti; l’acquisizione di uno schema più stabile di deambulazione; un minore bisogno di energia, quindi di affaticamento; la rimodulazione del tono muscolare e conseguente diminuzione del dolore.

Gli studi hanno comprovato la note- vole riduzione del volume della mappa corticale del muscolo trattato ed un aumento del volume della mappa di il muscolo antagonista. I miglioramenti sono stati registrati per tutti i parametri e sono stati valutati come statisticamente significanti e tali da concludere che l’applicazione di stimoli vibratori ad onda Quadra può su un muscolo aumentare il po- tenziale evocato registrato dallo stesso, suggerendo un miglioramento dell’eccitabilità corticospinale. Il trattamento con Vibrazione Meccano-Sonora ad Onda Quadra applicato per 12 settimane si è dimostrato in grado di ridurre significativamente l’ipertono ed il dolore e migliorare la forza dell’arto superiore dell’emiplegico

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *